1997-98. "Presenze. L'avanguardia temperata di Riccardo Moncalvo". Museo Nazionale de


The exhibition tells the story of Riccardo Moncalvo's long love for the mountains, from trips to Valsesia to skiing and excursions between the Valle di Susa and Valle d'Aosta, between the thirties and the fifties, through iconic images and thematic reports (tableaux vivants in castles Valle d'Aosta, 1939; skiing virtuosos by Leo Gasperl at Breuil-Cervinia, 1951). The catalog is illustrated by essays by Enrico Sturani, Italo Zannier, Giorgio Calcagno, Michele Ghigo, Enrico Moncalvo, Carlo Mollino, Leonardo Bizzaro.

La mostra racconta il lungo amore di Riccardo Moncalvo per la montagna, dalle gite in Valsesia allo sci e alle escursioni tra Valle di Susa e Valle d'Aosta, tra anni Trenta e anni Cinquanta, attraverso immagini iconiche e reportages tematici (tableaux vivants nei castelli valdostani, 1939; virtuosimi sciistici di Leo Gasperl al Breuil, 1951). Il catalogo è illustrato da saggi di Enrico Sturani, Italo Zannier, Giorgio Calcagno, Michele Ghigo, Enrico Moncalvo, Carlo Mollino, Leonardo Bizzaro.

Leo Gasperl, 1951

tableaux vivants al castello di Fenis, 1938

serata inaugurale, 11 dicembre 1997

Featured Posts
Recent Posts
Archive
Search By Tags
Follow Us
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square

L’Archivio Riccardo Moncalvo conserva la totalità dei negativi relativi all’attività artistica del fotografo e la maggior parte di quelli relativi al reportage professionale e industriale. L’utilizzo e la riproduzione delle relative immagini sono perciò tutelati dalle vigenti disposizioni di legge sul diritto d’autore. 

E’ inoltre presente una consistente serie di stampe originali eseguite dall’autore nonché un settore bibliografico e documentale. L’archivio è consultabile su appuntamento. 

 

Coordinamento ricerche e catalogazione: Enrico Moncalvo e Paolo Giusti, traduzioni: Annamaria Villani, powered by cristinaamoruso.com